Come un Co-Host professionale può far crescere il tuo business?

martedì 14 luglio 2020

Come un Co-Host professionale può far crescere il tuo business?



Gestire con successo annunci di proprietà in l’affitto breve è un compito che può consumare molto tempo. Se pensiamo, ad esempio, alle pulizie, alla comunicazione con i clienti, ai bucati e alla consegna delle chiavi i compiti iniziano ad accumularsi. Gestire tutti questi aspetti per una o due proprietà può anche essere fattibile ma richiede comunque tempo per farlo. Se poi il numero di proprietà dovesse crescere con molta probabilità diventerebbe troppo impegnativo da gestire da soli. Per evitare di trovarsi sommersi dalle cose da fare bisognerebbe quindi munirsi di supporto a livello operativo, e questo supporto si può trovare affidando la gestione, integrale o parziale, a professionisti del co-hosting così da risparmiare tempo e, alla lunga, guadagnare anche di più. 
Come fa un co-host a far crescere il tuo business?

PIÚ PROPRIETÁ CON LO STESSO SFORZO

Se il progetto prevede di aumentare le proprietà in gestione, magari con l’ambizione di sostituire il tradizionale lavoro da impiegato, allora la miglior soluzione è certamente quella di appoggiarsi a dei co-host.
Quando decidiamo di affidarci ad un co-host per aiutarci a gestire le proprietà questi devono innanzitutto garantire almeno uno dei seguenti servizi:
  • Aggiornare i calendari e applicare strategie di prezzo
  • Servizi di pulizia
  • Manutenzione della proprietà
  • Comunicazione con il cliente
  • Gestione degli arrivi
  • Ottimizzazione degli annunci
  • Gestione Online
Esistono siti apposta che propongono co-host professionisti, come Cohostmarket.com, i quali offrono il gran servizio di unire le persone giuste dove e quando servono in totale sicurezza. Innanzitutto, nel caso di Cohostmarket, ogni co-host deve superare una verifica che ne garantisca l’affidabilità prima di iscriversi. In secondo luogo, ogni co-host viene poi valutato attraverso un sistema di recensioni riassunto in un punteggio a stelle.

È possibile assumere un co-host per assistere nella gestione di qualsiasi aspetto, dalle pulizie o rispondere ai messaggi fino al giardinaggio o la manutenzione. Volendo ci sono anche annunci di co-host che si offrono per una gestione integrale delle proprietà quindi, nel caso, si può anche delegare la gestione intera, rilassarsi e percepire un fisso stabile tramite le proprietà.

MENO STRESS

Se avete mai gestito una proprietà destinata all’affitto breve conoscerete sicuramente la quantità di stress che ne comporta. Anche quando le cose vanno lisce, cioè quando tutto va come previsto, gestire delle proprietà costantemente sette giorni su sette, prima o poi, inizia a farsi sentire.
Un problema comune a tutti quelli che gestiscono più di una proprietà in affitto breve è che dopo un certo periodo finiscono col consumarsi. Quando il numero di proprietà da gestire cresce, ed il progetto diventa troppo grande da dirigere, si tende a perderne il controllo e spesso non ce se ne rende neanche conto che sta succedendo finché non iniziano a diminuire le prenotazioni e non arrivano recensioni negative.
Ingaggiare un professionista del co-host può dunque togliere un po’ di peso dalle spalle come quando si delega la gestione della comunicazione, un compito che richiede attenzione ventiquattro ore su ventiquattro e sette giorni su sette. Comprensibilmente, se ci si trovasse in una situazione al limite, le qualità comunicative verrebbero meno passando da un tono cordiale ad uno meno disponibile quindi, perché non appoggiarsi a qualcuno che ci aiuti?
Tutti gli ospiti desiderano essere trattati come se fossero speciali, quindi se siete soli e sull’orlo di una crisi potrebbe essere il momento giusto per affidarsi ad un co-host professionista.


CONSIGLI PROFESSIONALI

Essere affiancati da una figura professionale con esperienza può tornare molto utile soprattutto ad evitare errori che a volte sfociano in danni economici. Gli esperti del co-host hanno visto e sentito di tutto quando si tratta di affitti brevi per cui possono essere un importante punto di riferimento in diverse situazioni.
Affidarsi ad un co-host che ha accesso a dei software di algoritmi dei prezzi, per esempio, può essere un gran vantaggio già che possono aiutare a creare strategie di prezzo e moltiplicare i guadagni nel medio-lungo termine. Lo stesso discorso vale quando si parla di ottimizzazione degli annunci per farli rimanere sempre il più alto possibile nei risultati di ricerca. Se l’annuncio è ben posizionato, e gode anche di un’ottima strategia di prezzo, vedrà certamente un sensibile aumento delle prenotazioni e quindi dei guadagni.



ROMPERE LA BARRIERA DELLA LINGUA

Assumere un co-host professionista che padroneggia più lingue può far sicuramente la differenza aumentando il numero di prenotazioni da parte di ospiti stranieri.
La lingua cinese e quella spagnola sono due delle quattro lingue più parlate al mondo per cui assumere un co-host che conosca anche solo una di queste apporterebbe un gran vantaggio. In più, Il co-host può facilmente bipassare, per esempio, il dubbioso sistema di traduzione automatica e comunicare con gli ospiti nella loro stessa lingua. In questi casi gli ospiti avrebbero molto più l’impressione di stare “a casa lontano da casa” e lasciare più facilmente recensioni positive.
Avere recensioni in diverse lingue garantiscono un miglioramento del posizionamento quando un potenziale cliente effettua una ricerca di disponibilità e le recensioni sono nella sua stessa lingua. Per esempio, una recensione di un cliente cinese, lasciata in cinese, farà apparire più in alto il vostro annuncio quando un altro cinese effettua una ricerca in cina, di conseguenza una buona recensione in cinese attirerà più clienti cinesi.
Questo effetto palla di neve avrà quindi un impatto particolarmente positivo sul numero di prenotazioni ricevute da turisti stranieri e aiuterà a far crescere ancor più velocemente il progetto.

VALE LA PENA ASSUMERE UN CO-HOST?

Il costo per assumere un co-host professionista varia molto in base alla grandezza della proprietà e a quali compiti gli si vogliono delegare. Generalmente i co-host chiedono una percentuale della prenotazione ma possono anche chiedere un importo fisso.
Ad esempio, il costo per assumere un co-host per una gestione integrale può variare fra il venti ed il trenta percento della prenotazione. Dopo, oltre alla commissione, possono anche aggiungere degli extra come le lenzuola o gli asciugamani.
Quindi, ne vale la pena? Si, certo! perché..
Una proprietà gestita da un co-host garantisce aumenti dei guadagni fino a 150% rispetto a chi la gestisce da solo e non ha esperienza. Questo è dovuto per lo più alle conoscenze di ottimizzazione del listing ed alle strategie di prezzo ma anche alla sua esperienza in generale.
Inoltre, i proprietari potranno risparmiare più di 50 ore a settimana e dedicare questo tempo per migliorare ancor di più l’impresa per generare ancora più guadagni, oppure a godersi di più il proprio tempo libero. Non sembra male, no?



Vuoi più informazioni?

Iscriviti subito per una prova gratuita di 30 giorni e inizia ad esplorare la potenza del PMS di Icnea.

Richiedi una demo
demo icnea pms